Guida CB

  

Ok! Siamo decisi a entrare nel mondo della CB, ecco una piccola guida dove cerco di dare informazioni necessarie per creare una stazione radio.

Iniziamo distinguendo tre possibili utilizzi della radio: Base, mobile, portatile.

STAZIONE BASE

Una postazione fissa, installata in appartamento o genericamente presente in un edificio.

Questo tipo di stazione si compone di apparato radio, alimentatore, rosmetro/wattmetro e antenna.

L'apparato radio solitamente ha il modo di trasmissione in AM e/o FM; alcune radio CB utilizzano in aggiunta il modo di trasmissione in SSB quest’ultime sono certamente da preferire visto che ci da l’oppurtinità di coprire notevoli distanze e fare DX .

STAZIONE MOBILE

Una postazione installata in un autoveicolo come per esempio un'autovettura, un furgone o un camion.

Una stazione mobile necessita di un apparato radio e antenna.

L'apparato radio solitamente ha il modo di trasmissione in AM e/o FM; alcune radio CB utilizzano in aggiunta il modo di trasmissione in SSB.

Esistono radio di dimensione piuttosto contenuta in modo da permettere l'installazione in autovetture, furgoni e camion, soprattutto in zone come vani del cruscotto, portaoggetti, a lato del cambio, ecc...in ogni caso si raccomanda un'installazione tale da non interferire con la guida.

STAZIONE PORTATILE

Simili ai PMR446 per la forma, sono delle radio in banda cittadina che possono essere facilmente portate con sè.

Una stazione radio portatile consiste semplicemente in una radio "a mattoncino", trasportabile facilmente, che non necessità di alimentazione elettrica esterna in quanto dotata di batteria ricaricabile; l'antenna è già inclusa, ma di dimensioni ridotte, quindi bisogna tenere presente una minore portata in ricezione rispetto alle stazioni elencate precedentemente.

Passiamo al resto:

L'ANTENNA PER CASA

Per l'ubicazione conviene preferire il tetto e la classica 5/8. Tante altre comunque sono le soluzioni valide come la mezz'onda con il vantaggio dell'assenza di radiali oppure la sempre valida ground-plane a ¼ d’onda. Se proprio non fosse possibile sistemare l'antenna sul tetto l'alternativa può essere una boomerang sul terrazzo, offre discrete prestazioni, poco ingombro, facilita' di settaggio e manovrabilita'.

L'ANTENNA PER L'AUTO

La si sceglie considerando fattori estetico-funzionali, oltre che di costo.

Può essere installata con supporto a calamita, con un apposita staffa a baule, direttamente forando il tetto del veicolo o al posto dell'antenna autoradio magari sostituendo quest'ultima con un antenna a baffo.

La base a calamita permette un installazione temporanea con facilità nel metterla e rimuoverla.

La staffa a baule evita di forare il tetto.

L'installazione forando il centro tetto o al posto dell'antenna autoradio invece permette un maggior piano riflettente per le onde radio e sicuramente una migliore resa.

IL CAVO D'ANTENNA

Altro fattore da considerare è il cavo antenna.

I tipi di cavo più comuni e utilizzati sono generalmente due: RG 58 sottile e malleabile e RG 213 rigido e spesso come un dito.

Certo, la differenza di efficienza è rilevante, ma secondo il mio parere l’utilizzo del RG213 visto il costo e la malleabilità non certo delle migliori è giustificabile solo se la discesa è oltre i 15 metri. Quindi sotto i 15 metri posso dire che va benissimo l'RG58.

Un cavo che mi sento di consigliare senza andare a discapito della malleabilità e spessore è il Belden H155.

Solo 5,4 mm di spessore, ma la qualità è paragonabile ad un RG213.

ROSMETRO

Il rosmetro è uno strumento fondamentale nella fase di installazione dell'impianto ci permette di misurare il rapporto di onde stazionarie, cioè quale percentuale di onde non esce dall'antenna ma ritorna nell'apparato radio, col rischio di danneggiamento dello stesso. La quantità di onde stazionarie dovrebbe essere minima e non superare comunque il valore di 1,5, né tanto meno entrare nel settore rosso sulla scala dello strumento, proprio per evitare danni al CB.

- Valori di ROS -

Da 1 a 1.5 OTTIMO da 100% a 96% rendimento da 0 a 4% di energia riflessa

Da 1.5 a 2.0 ACCETTABILE da 96% a 89% rendimento da 4% a 11% di energia riflessa

Da 2.0 a 3.0 PERICOLOSO da 89% a 75% rendimento da 11% a 25% di energia riflessa

Oltre il 3.0 controllare attentamente l' impianto d' antenna ed il cavo, perché sicuramente è in corto

circuito oppure l’antenna non è a massa.

 

ACCORDATORE D’ANTENNA

L’accordatore d'antenna è un dispositivo che ha la funzione di adattare fra loro l'impedenza di un'antenna e quella d'uscita di un trasmettitore ad una determinata frequenza. Con l'accordatore d'antenna correggi l'eventuale errore di impedenza dell'antenna quindi "inganni" il trasmettitore facendogli vedere un impedenza giusta quando invece l'antenna per svariati motivi non ha un impedenza adeguata.

L'accordatore è un apparecchio molto usato dai radioamatori in quanto molto spesso si usa una sola antenna su più bande diverse.

Mentre per quanto riguarda la banda CB si può sicuramente farne a meno, basta tarare a modo l'antenna.

Questo è tutto!!!

Ora siete pronti per andare "ONAIR" !!!

 
Diavolaccio - 1RGK467

 

 

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.